Verona-Salernitana: i gialloblù battono una buona Salernitana

Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

Una sconfitta che brucia

Hellas Verona (4-3-3): Silvestri; Bianchetti, Marrone, Dawidowicz, Vitale, Faraoni, Gustafson, Zaccagni, Lee (83’ Empereur), Pazzini (89’ Tupta), Colombatto (59’ Di Gaudio). A disp.: Berardi, Ferrari, Almici, Balkovec, Empereur, Di Gaudio, Henderson, Laribi, Di Carmine, Tupta. All.: F. Grosso

Salernitana (3-4-1-2): Micai; Mantovani, Migliorini, Gigliotti (46’ Pucino), Casasola, Minala (78’ A. Anderson), Di Tacchio, Lopez, Mazzarani, Jallow (63’ D. Anderson), Calaió. A disp.: Vannucchi, Lazzari, Pucino, Memolla, Schiavi, D. Anderson, Odjer, Orlando, A. Anderson, Djuric. All.: A. Gregucci

Arbitro: Sig. Marco Serra di Torino
Assistenti: Chiocchi e Fomato
IV uomo: Colombo

Marcatori: 70’ Pazzini
Corner: 6-7
Ammoniti: 7’ Lopez, 21’ Gigliotti, 28’ Pazzini, 40’ Mazzarani, 55’ Di Tacchio, 69’ Zaccagni, 86’ Mantovani, 90’ Casasola, 90’ Empereur
Espulsi: 90’ Casasola, 90’ Empereur

PRIMO TEMPO – Calciatori in campo, Salernitana con la casacca da trasferta batte il primo palone del match. Pronti, partenza… via! Prova a Salire la Salernitana, curioso primo fallo della partita: Jallow sfiora Vitale in pressione, l’ex compagno di squadra cade con un attimo di ritardo. Contatto Lee-Lopez, l’ex Benevento lo bracca in una fase di fallo laterale per il Verona, e il coreano cade a terra lamentando un colpo al volto. Il braccaggio c’è, il colpo al volto che causa il giallo per il difensore della Salernitana… non tanto. Al 9’ primo sussulto del match, Faraoni scende sulla destra, palla dentro per Lee anticipato all’ultimo momento da Migliorini. Sul corner successivo è Bianchetti ad andare vicino al gol con un colpo di testa. Due minuti, palla lunga per Laribi che addomestica di esterno destro e mette in mezzo per Pazzini che trova la conclusione ma non la porta. I granata non stanno a guardare ma non trovano il passaggio illuminante negli ultimi sedici metri. Al 18’ occasione per la Salernitana, è Lamin Jallow a provare il tiro a giro da appena fuori l’area di rigore ma la palla esce di un niente. Al 26’ ancora un tiro di Jallow da appena fuori area ma il gambiano poteva provare l’appoggio ad un compagno. I granata sono nel match e sono i padroni di casa a rifugiarsi nel contropiede. Dopo mezzora di match gara intensa con una supremazia territoriale dei granata evidente. Al 39’ palla-gol per il Verona: scende bene sulla destra Pazzini che mette in mezzo per Gustafson che tira di prima e fa passare la palla sotto Migliorini ma la risposta di Micai è suprema! Dopo tre corner consecutivi per il Verona e due minuti di recupero, termina il primo tempo. Una buona Salernitana e uno 0-0 che può andar stretto ai granata.

SECONDO TEMPO – Rientrano in campo le due squadre con una novità tra le fila dei granata, Gregucci manda in campo Pucino in luogo di Gigliotti. Chissà che il francese non abbia accusato un colpo negli spogliatoi. Subito occasione per Gustafson con un tiro da fuori, la palla è larga. Poi torna a salire la Salernitana: prima un calcio di punizione battuto da Pucino è deviato in calcio d’angolo, dal corner Casasola stacca bene di testa ma non colpisce bene e la palla è fuori. Sulla ripartenza, dall’altra parte Gustafson si mangia il gol del vantaggio per il Verona spedendo fuori da ottima posizione ma che dormita della difesa granata. Sono passati appena dieci minuti. Al 66’ situazione dubbia nell’area di rigore del Verona con l’ex Vitale che con l’anca atterra il neo-entrato Djavan Anderson il quale cade a terra. Il rigore ci poteva stare ma l’arbitro sorvola. GOL DEL VERONA! Gara più equilibrata in questo secondo tempo: palla dentro per Di Gaudio, salva Casasola, poi la palla sbatte su Pazzini e va sul palo, rimane lì e il Pazzo ha il guizzo giusto per metterla dentro, 1-0. Sulle ali dell’entusiasmo il Verona ha anche la palla del raddoppio ma Pazzini questa volta è chiuso in angolo. Un quarto d’ora dalla fine, ora c’è solo Verona. All’81’ Zaccagni rischia il rosso con un fallo su A. Anderson: era già ammonito. Entra Empereur, l’altro ex del match. Prova a premere la Salernitana ma l’assenza di Jallow si sente, ed è una fase in cui anche l’arbitro sembra accusare la stanchezza valutando in maniera dubbia qualche decisione di troppo: prima ammonisce Casasola e Empereur per reciproche scorrettezze, poi li espelle entrambi. Il fallo lo aveva subito però il granata. Dopo quattro minuti di gioco termina la partita, una sconfitta che brucia, soprattutto per quanto fatto vedere nel primo tempo. Sul match però pesano i cambi di Gregucci e alcune decisioni dell’arbitro quanto meno da rivedere.

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: