Serie D: sì alla riapertura degli stadi. Ripescate quattro squadre

Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

Dopo il Consiglio Federale di Serie C,nella giornata di ieri si è riunito anche il Consiglio Federale di Serie D.

Serie D: i tifosi tornano allo stadio

Il destino della Serie D dipende dalle questioni in Serie C. Non ultima la presunta combine tra Picerno e Bitonto, che al momento ha decretato le retrocessioni di entrambi i club in quarta serie. In attesa del secondo grado che potrebbe ribaltare il primo grado è impossibile stilare calendari e gironi.

Sono state ripescate in Serie C:

  • Legnago in sostituzione del Campordarsego;
  • Giana Erminio al posto del Siena;
  • Ravenna al posto della Sicula Leonzio.

Il Campordarsego e il Siena partiranno di nuovo dalla quarta serie.

Ripescate dall’Eccellenza, invece:

  •  Corticella,
  • Nardò,
  • FC Francavilla,
  • Sinalunghese.
Il  Consiglio Federale, tenutosi nella sede romana di Via Allegri, ha  deciso per la riapertura di tutti gli stadi relativamente alle competizioni sotto l’egida della Lega Nazionale Dilettanti.
Una svolta importantissima, specie per la Serie D, con la possibilità di far accedere fino a 1000 spettatori a seconda della capienza di ogni singolo impianto sportivo, rispettando alla lettera le disposizioni previste dal protocollo già stilato in precedenza.

Comunicato LND

La Lega Nazionale Dilettanti ha infatti proceduto all’ammissione di Corticella, Nardò e FC Francavilla nell’organico del campionato 2020-2021, composto al momento da 164 società. La disposizione scaturisce dai provvedimenti assunti dal Consiglio Federale in data 31 agosto e che hanno decretato l’integrazione dell’organico della Serie C con l’inserimento di Giana Erminio, Ravenna e Legnago Salus. Per la determinazione dei gironi di Serie D sarà necessario attendere il completamento degli organici dei campionati professionistici

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *