Serie D: oltre alle promozioni, decise anche le retrocessioni

Serie D
Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

Il campionato di Serie D è fermo dal mese di marzo per l’allarme COVID-19 che ha bloccato tutte le competizioni calcistiche e non di tutto il mondo.

Serie D: retrocesso l’Agropoli, rischia anche la Nocerina

Dopo l’ufficialità del Consiglio Federale della FIGC di far sospendere il campionato di Serie D, oggi la LND si è riunita in conference call.

Il comitato della Serie D oltre le nove promozioni in Serie C ha proposto la retrocessione in Eccellenza di ben 36 squadre.

Una decisione che non rispecchia il campionato giocato perché decreta anche la retrocessione di molte squadre che sul campo avevano conquistato la possibilità di mantenere la categoria attraverso la lotteria dei play-out.

Curioso il caso del girone H. Dove la squadra retrocessa è l’Agropoli. La squadra campana prima dello stop si trovava all’ultimo posto in classifica con 15 punti. Oltre all’Agropoli retrocessa anche il Francavilla. Resta da capire la situazione della Nocerina. La compagine molossa rischierebbe la retrocessione in Eccellenza. Nel girone H oltre Agropoli e Francavilla dovrebbero retrocedere altre due altre squadre. Nocerina, Grumentum e Nardò due tra queste squadre dovrebbero retrocedere da decidere i criteri. La Nocerina è in svantaggio sulla differenza reti su entrambe le squadre, ma negli scontri diretti è in vantaggio sia con il Nardò che con il Grumentum.


Promosse in Serie C: 

Lucchese, Pro Sesto, Campodarsego, Mantova, Grosseto, Matelica, Turris, Bitonto e Palermo. 

Girone H: Nardò/Grumentum/Nocerina (retrocederanno due di queste tre, tutte a pari punti, da capire il criterio), Francavilla, Agropoli

Le parole di Sibilia

Ai microfoni di Gianlucadimarzio.com si è espresso il presidente della LND Sibilia.

«Abbiamo agito con la massima accortezza e nel rispetto delle linee indicate dal Consiglio Federale in ordine a promozioni e retrocessioni in Serie D» ha commentato il numero uno della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia, «Consapevoli che non fosse affatto semplice affrontare la situazione tenendo conto delle peculiarità verificatesi. Ritengo sia stato fatto un lavoro scrupoloso, confortato dall’unanimità del voto in Consiglio Direttivo e guidato dal principio del merito sportivo, al quale la LND si è sempre attenuta. Credo ci siano le condizioni, anche nell’ottica della sempre più auspicata riforma del sistema calcistico italiano, di poter successivamente andare a soddisfare le ambizioni di chi avrà i requisiti oggettivi per nutrirle. Ora attendiamo il pronunciamento del massimo organismo della FIGC sulle nostre proposte. Poi finalmente potremo cominciare a pensare alla nuova stagione, con l’augurio di ripartire più forti e decisi di prima».

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *