Salernitana 1998, la cavalcata dei ragazzi di Delio Rossi compie 20 anni

Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

Annata 1997-1998, stagione indimenticabile per i tifosi della Salernitana. I granata presentano una rosa in gran parte rispolverata rispetto alla deludente stagione precedente, ingaggiando giocatori come Giovanni Tedesco e affidandosi all’estro di un giovanissimo Marco Di Vaio tra gli altri. A guidare i campani verso la promozione viene scelto Delio Rossi, tecnico che già precedentemente aveva fatto breccia nel cuore dei tifosi per via di una promozione in B ed una sfiorata un paio d’anni prima in A.

L’amore verso il tecnico, la squadra e i colori granata consentono la sottoscrizione di ben 14676 tessere d’abbonamento, una delle cifre più alte mai raggiunte nella storia della serie B, con un seguito stagionale che superava i ventimila spettatori di media.  L’abito che Delio Rossi disegna su misura dell’ippocampo è un 4-3-3 che offre letteralmente spettacolo, ma al tempo stesso anche machiavellico, nel quale emergono i tagli di Ricchetti, le sponde di Artistico e i gol del ‘giovane favoloso’ Di Vaio.
Paradigma sono i quattro gol rifilati alla Reggiana, i cinque al Pescara e i tre al Venezia, i quali decretarono il sorpasso proprio a discapito dei lagunari, difendendo la vetta fino alla fine.

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: