Salernitana-Reggina, l’analisi del match: pareggio alla prima

salernitana-convocati-reggina-squadra

Salernitana | ph: Bruno Maffia

Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

La Salernitana esce dall’Arechi con un pareggio: i padroni di casa rimontano e concludono 1-1 il match contro la Reggina neopromossa nello scenario dell’impianto sportivo a porte chiuse.

Salernitana-Reggina: pareggio alla prima

Porte chiuse all’Arechi, clima surreale dentro e fuori l’ambiente granata per le note vicende sportive e non che hanno accompagnato e accompagneranno queste uscite della Salernitana. Un buon esordio per Tutino e Belec, incolpevole sul gol di Menez. Casasola mette tutto sul pari e concede un punto a testa per le due compagini.

PRIMO TEMPO

Salernitana che attaccherà da sinistra a destra, ospiti in maglia bianca ma con un attacco di fuoco. Non succede niente di rilevante nei primi minuti del match, tranne qualche fraseggio offensivo di Kupisz e Tutino per i granata, Menez-Denis per gli ospiti. C’è da dire che il neoarrivato Tutino appare subito in forma: spazia sulle fasce offensive, si viene a prendere il pallone e incoraggia i compagni di squadra che provano spesso a imbeccarlo. Al 41′ pioggia sull’Arechi e squadre che accorciano su un campo abbastanza “macchiato” tra sabbia e rizzollature, soprattutto sull’angolo destro zona Curva Sud. La prima frazione si chiude sullo 0-0 dopo un tiro di Denis che Belec smanaccia.

SECONDO TEMPO

La ripresa si apre con gli stessi uomini in campo. Al 20′ Kupisz non arriva sul pallone che Curcio pennella per il numero venti granata. Plizzari segue il tutto con lo sguardo. Tempo mezzora e la partita diventa più vivace con i granata vicini al gol, prima con Djuric e poi con Tutino. Siamo all’83’ e gli ospiti passano in vantaggio con il nuovo arrivato Jeremy Menez che segna all’esordio in Serie B e alla prima di ritorno in Italia. La Salernitana insegue il pareggio e lo riagguanta nell’azione successiva, anche in maniera fortunata, con un cross che prende un giro strano grazie a Casasola. Sul finire del match prima Gondo (subentrato a Djuric), poi Tutino sfiorano addirittura il vantaggio. Triplice fischio e un punto a testa.


Il tabellino del match

Salernitana (3-5-2): Belec, Veseli, Aya, Lopez, Casasola, Kupisz, Schiavone, Cicerelli, Curcio (28’ st Migliorini), Tutino, Djuric (42’ st Gondo). A disposizione: Micai, Russo, Bogdan, Karo, Iannoni, Galeotafiore, Giannetti, Lombardi. Allenatore: Bocchini 

Reggina (3-4-1-2): Plizzari, Loiacono, Gasparetto, Rossi, Rolando, Bianchi (12’ st Faty), Crisetig, Liotti (25’ st Di Chiara), Bellomo (25’ st Mastour), Menez, Denis (36’ st Lafferty). A disposizione: Guarna, Farroni, Delprato, Bertoncini, Peli, Stavropoulos, De Rose, Folorunsho. Allenatore: Napoli

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *