Salernitana-Reggiana: l’epilogo della partita fantasma all’Arechi

Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

Sarà certificata dal giudice sportivo la vittoria a tavolino della Salernitana ai danni della Reggiana. Dopo l’attesa di 45 minuti dall’orario di inizio previsto l’arbitro non ha potuto far altro che riportare a referto l’assenza della formazione ospite.
Situazione a dir poco surreale quella creatasi a causa del COVID19 anche a livello calcistico. Salernitana-Reggiana resta una partita fantasma.
Gli emiliani avevano inizialmente ventinove contagiati tra squadra e staff, quattro gli elementi recuperati in extremis con il responso degli ultimi tamponi effettuati.
Dopo la richiesta di intervento della Lega B ed il successivo silenzio di giorni, la compagine allenata da mister Alvini non è potuta partire in treno per Salerno, scegliendo di non impiegare i calciatori primavera e quattro negativizzati della prima squadra ma di provare a creare un precedente. Tutto puntato sul ricorso alla giustizia federale, quindi, e non al campo, che, senza la prima squadra, avrebbe molto probabilmente sentenziato la gara con una debacle da pallottoliere per gli ospiti.
In ottemperanza al protocollo federale vigente non è stato attuato alcun rinvio d’ufficio della gara.
La Salernitana, dal canto suo, aveva dato disponibilità ad un rinvio deciso dalla Lega B, a patto di non intaccare il proprio calendario già fitto di impegni ed anticipi (venerdì 6 novembre i granata saranno di scena a Ferrara). I granata, a dir di Castori, avevano preparato comunque al meglio la partita, dopo la kermesse di Marassi con la Samp in Coppa Italia.
Di Tacchio e compagni dovranno quindi attendere il verdetto del giudice sportivo per poter tradurre in termini di classifica la seconda vittoria consecutiva tra le mura amiche e restare così momentaneamente al vertice (grazie al KO del Cittadella ed al quasi KO dell’Empoli a Venezia, match sospeso per nebbia sul 2-0).
Anche la kabala era dalla parte dei padroni di casa contro gli emiliani: nei 10 i confronti ufficiali fra le due squadre a Salerno gli ospiti non sono stati mai vittoriosi. Con quello di ieri sono sette, infatti, i successi della Salernitana (l’ultimo sul campo per 4-0 nella Serie B 1997/98) e tre pareggi (ultimo 1-1 nella I Divisione 2010/11). Formazione di casa sempre in gol nei 900′ presi in esame, 19 gol totali. Realizzati.
Un dato ulteriore: i granata vanno in goal all’Arechi da ben 22 partite consecutive (dal 15 settembre 2019 col Benevento).
Dispiace certamente quanto è accaduto perché non è allietante vincere a tavolino per l’indisponibilità dell’avversario a schierare una formazione (competitiva) a causa della grave situazione pandemica in atto. Se lo stato d’animo frustrato della Reggiana è comprensibile per le ragioni di forza maggiore, addotte formalmente anche alla Lega B per gettare le basi del ricorso, poco o niente hanno di consono le successive reazioni nei confronti del club granata. In particolare sono da additare come ignobili e vergognose le accuse del DS reggiano, Tosi, che ha accusato la Salernitana in lungo e in largo di slealtà sportiva e di non aver chiesto il rinvio.
Caro sig Tosi, il protocollo federale applicato, a cui si aggiungono le regole Noif esistenti (e l’art 153 può comportare anche il punto di penalizzazione), è stato accettato e vidimato all’unanimità da tutte le società di serie B, non dalla Salernitana. Le regole del gioco (come tutte) erano chiare e sono state sottoscritte anche dalla Reggiana Calcio. Pertanto, seppur con il dispiacere dell’epilogo dovuto e senza un giudizio di parte, la Salernitana in questa vicenda non ha assolutamente colpe e/o beneficia di favoritismi di “palazzo”. Questa volta la proprietà farebbe bene a tutelare i propri interessi di immagine nelle opportune sedi.
La Lega di serie B, forse per non creare un precedente grave, ha deciso di non intervenire nella questione ma alla lunga non potrà far finta di nulla e girarsi dall’altra parte perché la problematica esiste e potrebbe ripetersi per altre partite. È chiaro che il protocollo, a queste condizioni e con l’indice di contagio in netto aumento, viene ancora una volta messo fortemente in discussione e probabilmente andrà revisionato per evitare il ripetersi di simili accadimenti.

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

http://api.clevernt.com/bdf59588-0e48-11eb-902d-cabfa2a5a2de/