Pagelle, i voti di Entella-Salernitana: squadra senza identità e mordente

Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

Le pagelle di Entella-Salernitana. Brutta sconfitta per gli uomini di Ventura, che si arrendono ai liguri praticamente senza mai tirare in porta.

Le pagelle di Entella-Salernitana

Senza identità, senza qualità, senz’anima. Queste le parole per esprimere la prestazione di questa sera della Salernitana. Una brutta sconfitta che, con ogni probabilità, pone fine a qualsivoglia velleità di promozione diretta, sbandierata, forse incautamente, da Ventura nelle scorse settimane. I granata escono sconfitti dal “Comunale” di Chiavari, forse, con un’unica certezza: se Lombardi è assente, la squadra non costruisce azioni da gol e non arriva mai al tiro in porta. Dal canto suo, una modestissima Entella, col minimo indispensabile, porta a casa l’intera posta in palio sfruttando l’ormai sistematica amnesia del reparto difensivo granata. Analizziamo le prestazioni individuali dei calciatori della Salernitana di oggi attraverso le pagelle di SalernoSport24.

Vannucchi 7 – Sicuro tra i pali, un po’ incerto nelle uscite, ma la parata su Settembrini è da fenomeno vero.

Aya 4,5 – La grande occasione e il gol dell’Entella nascono da due suoi errori. Sulla prima, si fa saltare troppo facilmente da Morra. Sul gol, invece, abbocca, seguendolo e lasciando tanto spazio in area, al taglio di Rodriguez, che incrocia verso il centro per liberare Mazzitelli. Suo, comunque, l’unico tiro nello specchio dei granata sugli sviluppi di un corner.

Billong 5 – In occasione del gol biancoceleste sbaglia la diagonale e, come spesso accade, è impreciso in fase di impostazione. Cresce nella ripresa, ma ormai il danno è fatto. Dall’85’ Iannone s.v.

Jaroszynski 6,5 – Difende per due, stasera addirittura per tre. L’unica certezza del reparto difensivo, purtroppo non dotato del dono dell’ubiquità.

Kiyine 4,5 – Niente di nuovo all’orizzonte, come direbbe un capitano di vascello. Nonostante tenti di giocare di più per la squadra, è un fantasma per tutta la partita. Indolente, irritante ed inconcludente. Dal 62′ Jallow 5 – Dà un minimo di vivacità alla fase offensiva partendo da dietro. Riesce in qualche dribbling, ma che resta fine a sé stesso.

Akpa Akpro 5,5 – Corre e pressa ininterrottamente per 95 minuti, ma lo fa a vuoto per quasi tutto il match. Fuori posizione in occasione del gol dell’Entella.

Di Tacchio 4,5 – Lontano parente del Di Tacchio visto all’opera nella passata stagione, probabilmente l’unico a salvarsi in un’annata sciagurata sotto tutti i punti di vista. Lento, prevedibile e impreciso in fase di impostazione. Lascia una prateria a Morra che confeziona l’assist vincente per Mazzitelli. Con l’ingresso di Dziczek si sposta sull’interno e limita in qualche in modo i danni, ma la sua prestazione lascia molto a desiderare.

Maistro 5 – “Leggerino” e fin troppo lezioso in zone del campo che richiederebbero più praticità. Unico spunto poco prima di essere sostituito, quando salta un avversario e va al tiro che esce di non molto alla sinistra di Borra. Dal 62′ Dziczek 5 – Inserito per dare gemoetrie alla squadra, ma senza sortire l’effetto sperato.

Curcio 5,5 – Non giocava una partita da titolare da oltre un anno, ma tutto sommato si disimpegna discretamente. Qualche chiusura e un paio di cross interessanti, prima di uscire dal campo in evidente debito d’ossigeno. Dal 77′ Lopez 6 – Dal suo piede nasce l’unica occasione del secondo tempo.

Djuric 5 – Avulso dal gioco per 86′. Scheggia la traversa su ottimo suggerimento di Lopez nell’unica occasione gol, sua e di squadra, della seconda frazione.

Gondo 4 – Sarebbe ingiusto buttargli la croce addosso visto l’impegno profuso, ma la sua inadeguatezza al campionato di B è lampante. Cerca di rendersi pericoloso in tutti i modi, ma commette una marea di falli e non dialoga mai col compagno di reparto, obiettivamente non in giornata. L’emblema della confusione che regna in casa granata.

Ventura 4 – Lo abbiamo spesso difeso, ma questa volta la sconfitta porta anche la sua “firma”. La squadra scesa in campo questa sera è sembrata priva non solo di mordente, ma persino di un’identità di gioco definita. In buona sostanza, la Salernitana, in assenza di Lombardi e Cicerelli, non ha nulla dell’idea di 3-5-2, se non nella sterile, quanto ostinata, serie di passaggi tra i tre centrali di difesa. Come accaduto nella stragrande maggioranza delle trasferte, la squadra ha regalato un tempo all’avversario e non ha reagito dopo il gol subito. Lui stesso, come rimarcato più volte dai colleghi di Dazn, è apparso sconsolato e insoddisfatto in panchina. Certamente, un atteggiamento che non fa ben sperare.


Il tabellino del match

Virtus Entella (4-3-1-2): Borra, Settembrini, Poli, Chiosa, Sala, Mazzitelli, Paolucci, De Col, Schenetti (84’ Toscano), Morra (90’ Crialese), Rodriguez (77’ De Luca). A disp.: Adorjan, Andreis, Bruno, Chajia, Crialese, Currarino, De Luca, Mancosu, Paroni, Toscano, Zaccagno. All.: Roberto Boscaglia

Salernitana (3-4-3): Vannucchi, Billong, Aya, Jaroszynski, Kiyine (62’ Jallow), Di Tacchio, Akpa Akpro, Djuric, Gondo (85’ Iannone), Maistro (62’ Dziczek), Curcio (77’ Lopez). A disp.: Capezzi, Cicerelli, Dziczek, Galeotafiore, Iannone, Jallow, Karo, Lopez, Micai, Migliorini. A disp.: Gian Piero Ventura

Arbitro: Giacomo Camplone di Pescara
Assistenti: Filippo Bercigli – Alessio Berti
IV uomo: Marco Serra di Torino

Marcatori: 49’ Mazzitelli
Corner: 5-4
Ammoniti: 15’ Di Tacchio, 25’ Poli, 35’ Aya, 40’ Gondo, 60′ Sala

SalernoSport24
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: