Nuovo alla Rari Nantes: una campionessa alleverà i giallorossi di domani

rari-nantes-de-benigno

Raffaella De Benigno

Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

Un nuovo ingresso in casa Rari Nantes Salerno con l’arrivo di Raffaella De Benigno. L’ex campionessa di pallanuoto seguirà i giovani rarinantini.

De Benigno, una campionessa alla Rari Nantes

Giallorossi salernitani sempre più attenti ai campioni di domani. In questa ottica è da registrare l’ingresso nel team dell’ex campionessa di pallanuoto, Raffaella De Benigno. La salernitana entra, infatti, nello staff tecnico che seguirà il settore giovanile.

Chi è Raffaella De Benigno

Inizia nella Salernitana Nuoto nella quale ha militato fino alla promozione in A2 nel 2004-2005; poi passa in serie A al Volturno prima, e alla Polisportiva Nervi poi. Dal 2008 al 2011 è al Rapallo, dove ha vince la Len Cup. Nella stagione 2011-2012 con la Pro Recco conquista il ‘triplete’: campionato italiano, la Champions Cup e la Super Coppa. Chiude la carriera a Cagliari.

rari-nantes-de-benigno
Raffaella De Benigno

Le dichiarazioni

«Ho subito accettato l’incarico dopo un colloquio con il presidente Gallozzi. Mi ha illustrato i suoi progetti per il settore giovanile e mi ha proposto di farne parte. Sono contentissima di entrare nella grande famiglia della Rari e spero di poter trasmettere ai ragazzi tutto ciò che ho appreso nella mia carriera dagli allenatori straordinari che ho avuto».

Quale categoria allenerai e oltre all’aspetto tecnico, quale messaggio ti piacerebbe che i ragazzi apprendessero da te?

«Mi occuperò della categoria Acquagol e dell’Under 12. Oltre all’aspetto tecnico, mi piacerebbe che i ragazzi capissero che questo sport è divertente, faticoso ma divertente. E poi farò di tutto per farli appassionare, perché è la passione che permette di dare il massimo negli allenamenti e raggiungere degli obiettivi».

Qual è secondo te l’aspetto più importante sul quale puntare?

«Sicuramente l’aspetto tecnico, che è fondamentale, è alla base di tutto ciò che poi si vuole fare. Quindi puntare tanto sui fondamentali e subito dopo sulla mentalità».

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *