Mutti: ‘Ventura può accendere l’entusiamo. Salernitana tra le favorite’

mutti-bortolo
Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

Le parole di Bortolo Mutti

Ai microfoni di TuttoB.comBortolo Mutti, decano degli allenatori italiani, ha tracciato un’accurata panoramica del torneo cadetto.

Mister, partiamo dal mercato: si è chiusa la sessione estiva, quali i club che hanno operato meglio?

“Direi che più o meno tutti, in linea di massima, hanno fatto bene. Certamente chi ha lavorato meglio in assoluto è la Cremonese, ma anche il Crotone si è rinforzato molto, penso a Maxi Lopez, e lo stesso Frosinone, con i rinnovi di Ciano e Brighenti, ha mantenuto un’intelaiatura ben precisa. Anche la Salernitana ha costruito una buona squadra e non trascurerei il Cosenza, che ha inserito un paio di elementi importanti. Detto questo, ora il mercato è finito e c’è più tranquillità, complice la sosta, per approntare le squadre. Bene o male, chi doveva sistemarsi lo ha fatto”.

Il colpo del mercato?

“Se proprio devo fare un nome dico Hetemaj, centrocampista di grande esperienza e in grado di fornire un contributo rilevante alla causa del Benevento”.

Lei è molto legato alla piazza di Cosenza. Che ne pensa della squadra allestita quest’anno?

“Mi pare una squadra in linea con i programmi. Una compagine strutturata bene e guidata da un tecnico molto preparato ed esperto. Che conosce a fondo la categoria. Certo, non c’è più un giocatore importante come Tutino, il fiore all’occhiello del gruppo dell’anno scorso, ciononostante ritengo che il Cosenza abbia tutte le carte in regola per disputare un campionato di medio-alta classifica. Senza grosse ambizioni. Poi magari sarò smentito…”.

Che cosa hanno detto le prime due giornate di campionato?

“Ci hanno restituito una Salernitana al comando della classifica, a pari merito con Perugia ed Entella, per effetto di due vittorie significative. Ventura può riaccendere l’entusiasmo sopito di una piazza delusa dalle ultime stagioni, non consone alla storia e alle ambizioni del club. Come dicevo poc’anzi, è partito col piede giusto anche il Perugia, che ha colto successi importanti. Bene pure Benevento e Crotone. Mentre il Frosinone ha subito riscattato il brutto scivolone dell’esordio. Quanto alle neopromosse, alcune mi pare abbiano un po’ il fiatone, mentre altre, come l’Entella, sono subito protagoniste. I liguri potrebbero essere la sorpresa del campionato perchè possono contare su un ambiente tranquillo, una squadra competitiva e un grande presidente”.

A proposito di Gian Piero Ventura, l’ex Ct della Nazionale può rappresentare effettivamente il valore aggiunto della Salernitana?

“Dopo un periodo un po’ tribolato, aveva bisogno di una situazione più soft, meno eclatante. A Salerno ha subito inciso sulle scelte di mercato, pretendendo giocatori funzionali al suo credo calcistico, al fine di costruire una squadra a sua immagine. Inoltre, alle spalle può contare su una proprietà importante, con Lotito e Mezzaroma che non gli hanno fatto mancare niente. E anche i tifosi gli daranno tutto il loro sostegno. Ventura può solo fare bene”.

Sorprende la falsa partenza del Cittadella, ancora al palo in classifica. Solo qualche mese fa i granata si giocavano la Serie A, in finale playoff, con il Verona… 

“Quella veneta è una realtà sempre attenta alla gestione, che punta sui giovani e si muove con grande parsimonia e oculatezza. Una società ben strutturata, una presenza consolidata e importante in Serie B. Ciò detto, nella logica di un inizio di campionato una partenza a rilento ci sta. D’accordo la delusione, ma non ne farei un dramma. Sono convinto che la squadra saprà risollevarsi al più presto”.

Un giovane sul quale si sentirebbe di scommettere a occhi chiusi?

“Palmiero del Pescara. Può essere la stagione della sua definitiva consacrazione”.

Le favorite per la promozione?

“La Cremonese sarà sicura protagonista, il nuovo corso con Bonato direttore sportivo e Rastelli in panchina può fare grandi cose. Assieme ai grigiorossi dico Empoli, Crotone, Benevento, Frosinone, Perugia e Salernitana. Saranno queste, al netto di possibili sorprese, le squadre che si giocheranno la Serie A. Fermo restando che non vedo un’ammazzacampionato”.

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *