Michele Franco: “I tifosi granata meritano la serie A”

michele-franco-salernitana

Michele Franco con la maglia della Salernitana | ph: web

Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

Una lunga carriera iniziata nelle giovanili del Bari, quella di Michele Franco, proseguita in varie piazze, fra le quali quelle di Salerno e Cremona, prossime avversarie all’Arechi.

Una stagione in B con la maglia granata e poi l’addio

Il difensore pugliese ha collezionato più di trecento gare fra i professionisti e una bella fetta in serie cadetta. Ben sei sono, inoltre, le promozioni conquistate. Fra queste anche quella con la casacca della Salernitana. Chi può dimenticare la difesa granitica della favolosa stagione 2014-2015 quando, con tre giornate d’anticipo rispetto al termine della regular season, Franco e compagni festeggiano, dopo quattro anni, la promozione in serie B. Il terzino sinistro viene riconfermato e indossa la maglia granata ancora 27 volte, segnando anche tre reti.

La carriera dell’ex difensore granata

La stagione seguente non trova spazio né con Sannino né con Bollini in panchina ed a gennaio viene ceduto al Livorno. Ma facciamo un passo indietro e parliamo con lui della prossima sfida di campionato.

Riprende il campionato di serie B e difronte ci saranno Salernitana e Cremonese. Che incontro prevedi?

michele-franco-salernitana
Michele Franco con la maglia della Salernitana | ph: web

«Sarà una partita equilibrata anche se la classifica non lo direbbe. In questo campionato non ci sono partite facili. Bisogna sempre avere lo stesso approccio a prescindere dalla squadra che si incontra».

La Cremonese è attualmente ultima in classifica, nonostante ad inizio campionato sembrava accreditata a qualcosa in più. Credi in una possibilità di ripresa?

«Ad inizio anno, vedendo la squadra allestita, non avrei mai detto che la Cremonese si potesse trovare in una situazione del genere, ma il campionato è lungo e la formazione lombarda ha tutte le carte per potersi riprendere».

La Salernitana ha sostituito tante pedine rispetto allo scorso campionato. Credi possa finalmente dire la sua nella lotta per la promozione? Chi può essere determinante?

«La classifica attuale dice che la Salernitana se la potrà giocare con tutte. Credo che recuperare Lombardi possa essere un tassello di non poco conto».

Salerno e Cremona. Che ricordi hai di queste esperienze?

«Come ho sempre detto l’esperienza di Salerno è stata sicuramente quella che mi ha lasciato tanto sia sportivamente che umanamente. I tifosi granata meritano la serie A per l’amore che provano per la propria città. In più Salerno è una città bellissima dove si vive benissimo».

Chi sono le favorite per la promozione? E quanto può essere determinante il momento particolare che sta vivendo anche il mondo del calcio?

«Hai detto bene, questo è un anno particolare dove le variabili sono davvero tante e di conseguenza potrebbero esserci delle sorprese. Anche se penso che la qualità della rosa e l’importanza di avere una identità di gioco alla lunga paga. Se dovessi sbilanciarmi sicuramente direi Monza, Lecce e Empoli».

Come finirà fra Salernitana e Cremonese?

«Direi un pareggio. Anche se spero che la Salernitana guadagni tre punti».

Per finire… hai scelto di proseguire la tua carriera nella Pro Sesto. Come mai?

«Dopo l’esperienza al Monza dello scorso anno ho preferito non spostarmi ed ho sposato il progetto della Pro Sesto. Sono stato colpito in positivo da questa società e dal modo in cui stanno cercando di strutturarsi per gettare delle basi solide per il futuro. Siamo una squadra giovane che ha come obiettivo la salvezza ma abbiamo un mister veramente preparato, di cui sentiremo parlare. Insomma, daremo fastidio a tutti».


Potrebbe interessarti anche:

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

http://api.clevernt.com/bdf59588-0e48-11eb-902d-cabfa2a5a2de/