Maria Ruggiero: “Dedicato alla famiglia Indomita”

indomita-salerno-maschile
Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

Manca ancora la comunicazione ufficiale ma la sensazione è quella, l’Indomita Salerno potrebbe riabbracciare la Serie B a partire dal prossimo torneo. SalernoSport24 ha intervistato, in questa settimana dedicata alla prima squadra di volley di Salerno e provincia, il presidente maria Ruggiero.

Indomita Salerno, ancora attesa per la Ruggiero

Un campionato vissuto al massimo. Da una programmazione con un unico obiettivo, quello di fare bene nel 70esimo anno dalla fondazione. L’Indomita forse non potrà ancora festeggiare in attesa dell’ufficialità del salto di categoria, ma quel che ha compiuto va già bel al di là della mera soddisfazione.

Ruggiero: “Il volley è uno Sport di squadra”

SalernoSport24 ha deciso di dedicare l’intera settimana all’Indomita in virtù del grande campionato, il quale attende ora solo l’ufficialità da parte della FIPAV, quella della promozione in Serie B. La nostra redazione ha quindi intervistato il primo tifoso della squadra, Maria Ruggiero, al timone del club dai primi anni 2000. 

A meno della comunicazione ufficiale, è stato un gran campionato quello della Indomita. Ma quest’anno, più delle altre volte, c’era una motivo in più per fare bene.

maria-ruggiero«È vero, un comunicato ufficiale non è ancora stato trasmetto, ed è altrettanto vero che è stato un campionato speciale quello che abbiamo fatto. Così come, essendo nel 70esimo anno di attività agonistica, ci tenevamo a fare qualcosa d’importante. Ma a dirla tutta l’Indomita risulta affiliata alla Federvolley dal 1950, e la stessa federazione fu istituita appena quattro anni prima. Tempo fa, tramite una ricerca con la famiglia Senatore, fondatori della squadra, risultavano delle testimonianze già negli anni ’30, in prossimità delle Cotoniere».

C’è stata una programmazione importante, le energie sono state tutte profuse nel raggiungimento dell’obiettivo. Così come la crescita in casa di alcuni elementi, come ad esempio mister Vitale che ha sempre fatto parte del mondo Indomita. Ma è giusto dire che la ciliegina sulla torta l’ha data la presenza di Paolo Pecoraro?

«Certamente sì, ma la pallavolo è uno Sport di squadra in cui, se la squadra funziona, va avanti. Un atleta ha bisogno di un compagno che gli passi la palla per poter concretizzare un punto. Ci può essere l’elemento più bravo, ma c’è sempre un compagno che deve passarti la palla. È fondamentale l’elemento di solidarietà sportiva tecnico-tattica affinché si raggiungano gli obiettivi. Tutte le individualità sono state decisive, tra le quali quella di Paolo Pecoraro ma, soprattutto, ha funzionato la squadra. Non ci sono solo quelli che regolarmente scendono in campo ma, per raggiungere determinati obiettivi, è importante l’impegno negli allenamenti durante la settimana di tutti i 13/14/15 giocatori che la compongono. Se si raggiungono certi obiettivi, è proprio per l’insieme di tutti gli elementi che lavorano in una stessa direzione. È stata fatta una squadra di livello e tutte le componenti si sono impegnate al massimo. Abbiamo incastrato tutti i presupposti per poter fare bene, così abbiamo vinto tutte le 17 partite disputate». 

Il successo della Indomita passa attraverso i suoi settori giovanili, dalla maschile alla femminile.


indomita-salerno-femminile

 


«Con Pasquale Vitale, c’è stato anche Marco Mari, un poule di tecnici. Mari si occupa anche del settore femminile.  E anche qui attendiamo comunicati dalla federazione. La squadra femminile, infatti, quest’anno ha fatto il primo posto in 1ª Divisione e si aspetta una decisione in tal senso. 

Quando ha capito che questo poteva essere l’anno giusto per fare qualcosa d’importante?

«Già dalla programmazione. Senza un’adeguata programmazione non si va da nessuna parte. Una volta programmato e messo nei giusti posti tutti i tasselli, solo il caso, raro, può far andare le cose storte…».

Dicevamo, non vi è ancora pervenuta una comunicazione ufficiale. Ma volendo fare una dedica per lo splendido campionato.


indomita-salerno


«Qualora l’Indomita Salerno salisse in Serie B, si parlerà d’integrazione. Noi sappiamo che non è così, per tutti gli sforzi profusi. Per noi sarà una promozione a tutti gli effetti. Quindi la dedica è tutta la famiglia Indomita».

SalernoSport24
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: