La Salernitana ribalta il Chievo e attende la chiusura del mercato

salernitana-sudtirol-schiavone

ph: Bruno Maffia

Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

Vittoria esterna in rimonta della Salernitana col Chievo nell’anticipo di Serie B. Il successo al Bentegodi contro il club del presidente Campedelli mancava addirittura dalla stagione 1994-95. Quella volta il match termino 1-3 con le reti di Ricchetti, Strada e Pisano.

La Salernitana ribalta il Chievo

Castori ripropone uno scolastico 4-4-2 e si mette a specchio con il dirimpettaio Aglietti. Salernitana in sofferenza per oltre mezz’ora del primo tempo. Chievo più propositivo, granata attendisti. Belec anticipa il Natale e regala il vantaggio facile a Mogos. Iniziativa di Tutino: girata in area di rigore e pareggio. La partita che regala molti spunti offensivi con i padroni di casa che tengono il pallino del gioco, ma gli ospiti restano in partita riuscendo a concretizzare perfettamente l’unica occasione da rete creata. La ripresa si apre con ritmi più contenuti finché i granata mettono la freccia e sorpassano, sfruttando i centimetri di un infasciato Djuric da corner. Finale in crescendo: occasioni per il tris sui piedi di Kupisz e del neo entrato Capezzi, poi due reclami di penalty dei clivensi nel finale (uno poteva essere concesso).

Il mercato

Malgrado le dichiarazioni di fiducia e positività della società, per bocca del dirigente Bianchi, la Salernitana non ha convinto pienamente in termini di manovra ed organizzazione del gioco. Centrocampo poco propositivo e spesso in difficoltà nella fase difensiva, quando i gialloblù andavano spesso a tentare il tre uomini contro due nella prima frazione. Nel dopo partita lo stesso Castori ha ammesso le carenze d’organico, soprattutto nel settore nevralgico del campo. Meglio è andata nella seconda parte grazie agli spazi concessi dal Chievo in ripartenza. Al momento, complice una condizione fisica ancora non ottimale e un’amalgama del gruppo non del tutto assestata, i granata continuano ad appoggiarsi spesso in avanti sulle sponde di Djuric e le giocate individuali di Tutino. Prestazione nel complesso da rivedere, quindi, ma risultato positivo per mettere fieno in cascina, in attesa di ricevere delucidazioni sugli obiettivi stagionali. Non cambierà, invece, la posizione di Ultras e tifosi rispetto all’ultima linea di protesta portata avanti contro una società arrogante ed assente da ogni palcoscenico.

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

http://api.clevernt.com/bdf59588-0e48-11eb-902d-cabfa2a5a2de/