Gianni Mura, il commosso ricordo di Davide Polito

gianni-mura-davide-polito
Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

Tempi duri per l’Italia, chiusa nelle proprie case, a causa di un male che si nasconde dietro una banale influenza. Gianni Mura, tra i più grandi giornalisti italiani, se n’è andato via a causa di un cuore malandato e in queste ore buie della storia italiana, in tanti lo hanno ricordato. Tra questi c’è Davide Polito, il quale lo ha omaggiato con una foto.

Gianni Mura, una voce che ci mancherà

Il ricordo di Gianni Mura che vi raccontiamo è quella di una foto che ne celebra il talento, la dedizione ad una professione. Un “mestieraccio” come lo definisce spesso Dario Cioffi, altra penna di rilievo, del panorama sportivo salernitano, “ma un lavoro che quando ti prende, lo fai con passione e non ti molla più”. Ed era successo così per Mura quando entrò nel più rosa dei giornali italiani, La Gazzetta dello Sport. Poi l’Epoca e, dal ’76, la Repubblica.

Non solo Sport nella vita di Gianni Mura, ma anche letteratura con i suoi 7 libri pubblicati, alcuni dei quali donati nel 2009 alla “Biblioteca e Museo Andrea Fortunato”. 


Pubblicato da Davide Polito su Domenica 22 marzo 2020


Un dolore da non poter celebrare

Le ore sono cupe, così come il dolore. Così come un dramma da non poter accompagnare. Tante le famiglie che non potranno stringersi nel dolore di amici e familiari, e celebrare un rito funebre. Un necrologio in continuo aggiornamento. Gianni Mura se n’è andato, e in modo anticonformista ai tempi, un “banale” attacco cardiaco; le disposizioni del decreto DPCM non ne permettono le esequie così come chiunque meriterebbe. Ma la salute, quella dei vivi, viene prima. E siamo certi che un fuoriclasse del suo calibro, un orso buono e gentile così come lui era, capirebbe. Ma è davvero un gran peccato.


Quel giorno del 2010

Quel giorno c’erano molti personaggi che il calcio italiano ha conosciuto da vicino. Fu proprio la Fondazione Fioravante Polito a premiarlo nel 2010 nella categoria “Giornalisti” durante il II° Premio “Andrea Fortunato”. A fianco a sé amici e personaggi seguiti per una vita sui campi di calcio. Una fila di nomi che messi uno dietro l’altro fa spazio alla memoria: Claudio Ranieri, Pierluigi Collina, Igor Protti e Bepi Pillon

In ricordo di Gianni Mura un grande amico, una persona perbene.

Pubblicato da Davide Polito su Lunedì 23 marzo 2020

SalernoSport24
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: