Futsal: quale futuro alla ripresa? Intanto i saluti dei futsalero tornati in patria

feldi-eboli
Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

Una domanda e una risposta a cui oggi nessuno può darla, anche se molti addetti ai lavori cercano di ipotizzare, tra le mille dubbi e perplessità, il futuro. Intanto la Pandemia del Coronavirus ha fatto sospendere tutti i campionati, da allora sono trascorsi circa quindici giorni, mentre per la ripresa delle attività prevista del 4 Aprile, mancano ancora tre settimane. Tempi, numeri che nello sport contano, per programmare e riprendere a giocare.

La fuga di campioni dall’Italia, i saluti alla Feldi Eboli

Questa situazione di stop del campionato e di tutte le sue competizioni ha visto inevitabilmente molti tesserati andare via, tornare alla propria patria. Come la Feldi Eboli che per permettere ai suoi tesserati il rientro in patria ha dato il rompete le righe a tutti i suoi tesserati. Ma non solo alla Feldi sta accadendo questo. Una fuga incontrollata di campioni che ha dell’incredibile, un numero elevatissimo di giocatori che in questi giorni per evitare il contagio hanno raggiunto il Brasile o l’Argentina, mentre tanti altri lo stanno facendo in queste ore. La salute prima di tutto, è quando echeggia tra loro, per evitare di rimanere coinvolti nella diffusione pandemica a causa del COVID-19.

Ipotizzare il ritorno alla normalità

Ipotesi difficile da avanzare, in quando questa situazione ha praticamente messo tutti spalle al muro. Anche se non mancano ipotesi e soluzioni che vengono avanzate da diversi addetti ai lavori pur di rivedere al più presto una sfera senza rimbalzo scivolare sul parquet di un palazzetto. «Da una parte c’è chi dice che non ci saranno i tempi tecnici per giocare tutte le gare; chi invece vuole che termini subito, in quando riprendere il campionato non ha senso; da altro versante si chiede di eliminare le Final Eight e la Coppa della Divisione, puntando tutto sul campionato; chi invece chiede che le società vengano aiutate economicamente dagli organi federali, per evitare futuro difficoltoso».                                               

I saluti dei futsalero tornati a casa

Saluti che sanno di amarezza e delusione per come è andata a finire, giungono da gran parte dei tesserati della Feldi Eboli. In primis quelle del tecnico calabrese – Francesco Cipolla – che mette in primo piano “La salute prima di tutto”; fino ad arrivare a quelle dei giocatori: il capitano Jader Fornari:

«E cosi abbiamo finito con anticipo la nostra stagione. Mi mancherà tutto e tutti, la scuola calcio, i nostri tifosi. Ringrazio veramente tutta la città che ci ha accolto come mai prima, sperando tutto possa tornare alla normalità e poter gioire ancora insieme alla città che amiamo».

I saluti del bomber argentino Lucas Francini:

«A Eboli un periodo tanto breve, quanto bello. Voglio ringraziare tutta la società Feldi Eboli, per questo piccolo periodo vissuto insieme, ma molto bello per i rapporti e per le cose che ho imparato a livello professionale. Purtroppo è giusto pensare prima alla salute e tornare a casa. Speriamo che passi questo brutto momento per tutti e che sia solo un arrivederci».

Un ciao giunge anche da uno dei giocatori più amato dal pubblico di Eboli, stiamo parlando del portiere-bomber Laion De Freitas:


Breve ma molto significativo il suo saluto, Antonio Agne Bagatini: “Tutto finirà bene. Mi Mancherà!”. Anche il gioiellino lucano, Alessio Saponara ha voluto esprimere con un post la sua esperienza ad Eboli dopo essere tornato nella sua Basilicata:

«È stata una stagione molto particolare, ma allo stesso tempo mi ha aiutato a crescere sotto tutti i punti di vista. Sono convinto che presto torneremo a fare tutto ciò che ci rende felici e sempre con il sorriso».

Il portierino brasiliano, Luan Fiuza:


Stessa cosa anche per l’universale Thiago Bissoni:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Oggi già in Brasile vorrei lasciare mio messaggio positivo a tutto il popolo italiano per tutta la sofferenza che sta passando in questi giorni tristi con l’arrivo del Corona vírus, sono sicuro che lo sconfinggeremo, mio rispetto e le mie preghiere sono con tutti voi in questo momento difficile, che ora non è più il tornare a giocare, o se torna il campionato, o qualsiasi cosa nello sport e si, invece, la coscienza che dobbiamo migliorare come persone e valorare quello che conta veramente, che è la nostra salute. Ci vediamo presto 🇮🇹 con la certezza che ho imparato è stato più grande che l’ego e l’orgoglio che ci trascinano senza che ci rendiamo conto. Potete essere sicuri che farò la mia parte nell’essere umanamente migliore. . . . . . 🇧🇷 Hoje já no Brasil queria deixar minha mensagem positiva a todo povo Italiano, por todo sofrimento que vem passando nesses dias tristes com a chegada do coronavírus, tenho certeza que iremos vencer esse vírus, meu respeito e minhas orações estão com todos vocês nesse momento difícil! Que agora não se trata de jogar futsal ou pensar se volta ou não o campeonato, ou qualquer que seja o esporte e sim se conscientizar que devemos melhorar como pessoas e dar valor ao que realmente importa, que é nossa saúde. Nos vemos em breve 🇮🇹 com a certeza que o aprendizado foi bem maior que os orgulhos e egos que nos levam e nos consome sem que percebemos. Farei a minha parte em ser melhor como ser humano, pode ter certeza.

Un post condiviso da ƬᕼƗᗩǤ〇 ᙖƗᔕᔕ〇ᘉƗ (@thiagobissoni) in data:

SalernoSport24
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: