Gli ultimi 180 minuti per dare un senso alla stagione

dziczek-salernitana-pordenone
Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

La lancetta del tempo avanza: mancano gli ultimi 180 minuti allo scadere della regular season di serie B, diranno se la Salernitana avrà centrato i play-off.

Salernitana, ultimi 180 minuti

I granata proveranno a difendere, ed eventualemenre migliorare, l’ottava posizione attualmente occupata.

Dopo il pesante KO nel decisivo match interno con l’Empoli il percorso è diventato più in salita. Pordenone e Spezia sono due avversari di spessore, sebbene non al massimo della forma stagionale. Percorsi più agevoli sulla carta per le concorrenti ma le sfide della cadetteria nascondono sempre insidie.

Da un certo punto di vista, forse, meglio incontrare squadre quotate per non abbassare la guardia dell’attenzione. D’altronde i granata hanno spesso meglio figurato contro avversari di rango rispetto a compagini dal tasso tecnico più abbordabile.

La Salernitana si gioca tutte le ambizioni play-off in due gare. Ventura sostiene che questo sia l’ultimo obiettivo da raggiungere rispetto a quanto chiesto dalla società ad inizio anno calcistico, ma tale osservazione stride non poco con le aspettative della piazza, che ritiene la qualificazione agli spareggi il traguardo minimo stagionale, dopo quattro anni di delusioni e patimenti in serie B. Differenza di vedute, di ambizioni, di realtà a fronte delle reali possibilità.

La Salernitana non è una corazzata e dovrà accontentarsi con tutta probabilità di aver cancellato gli scempi degli anni scorsi ma sarebbe triste e non proficuo per la passione dei supporter dell’Ippocampo chiudere il campionato ancora una volta nell’anonimato.

A Trieste Micai e compagni sono attesi da una partita complessa in cui la priorità sarà innanzitutto fare risultato, come osservato anche da mister Ventura. La Salernitana dovrà puntare ad ottenere quarto punti nelle ultime due uscite per restare con i piedi tra le prime otto in graduatoria.

Il tecnico stasera si affiderà a chi offrirà le migliori garanzie sul piano fisico e mentale.
Peseranno assenze come quelle di Lombardi (si è visto subito anche contro l’Empoli) e dell’ingenuo Kiyine.

Gli uomini di Tesser viaggeranno sulle ali dell’entusiasmo e proveranno a consolidare la quarta piazza in classifica, facendo leva sul fattore campo e sulle amnesie difensive granata.

Il modulo

Ventura cambierà spartito tattico con ogni probabilità, ritornando al più classico 3-5-2, ma al di là dei numeri conterà in primo luogo, o quasi esclusivamente, il risultato. Lecito attendersi una Salernitana più attenta e guardinga, pronta a ripartire e far male con le proprie spine nel fianco, su tutte Gondo, il più in forma tra i granata, Djuric e Cicerelli.

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: