Cassano e Balotelli, idea o verità? Le riflessioni del dottor Emilio Pesce

balotelli-cassano

ph: web

Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

Oggi vi parliamo di Cassano e Balotelli, due storici amici, le cui ‘gesta’ a volte fuori dal bon ton, e lasciamo i pensieri al dottor Emilio Pesce.

Cassano e Balotelli. Analisi del dottor Pesce

Nessun bambino è perduto se ha un insegnante che crede in lui. Da questa affermazione del filosofo tedesco Bernhard Bueb il dottor Emilio Pesce ha rilasciato alla nostra redazione il suo pensiero sui due calciatori. Cassano e Balotelli sono tra i maggiori talenti che il calcio italiano ha prodotto nell’ultimo ventennio.

I viaggi all’interno delle vicende

emilio-pesceEmilio Pesce è un giovane insegnante che ama interessarsi alle vicende umane. La nostra collaborazione con il chinesiologo è giunta ad un nuovo appuntamento.

Ci caleremo nuovamente in una ricerca culturale dove la fermezza e la buona volontà etico-morale, stanno portando il Dottore ad analizzare i rapporti tra la società di oggi e la cultura del paese.

Due azzurri di eccezionale bravura

«Come noi tutti sappiamo, Cassano e Balotelli sono calciatori che propagano ancora oggi stimoli retorici/ stilistici. 

Nel presente articolo Emilio Pesce ispeziona i due calciatori evidenziando il loro successo che non è solo quello sportivo ed economico ma soprattutto quello memorabile.

Probabilmente Cassano e Balotelli sul piano della tecnica avevano quella ‘testardaggine’ che ha affascinato tutta la nazione, maggiormente quella giovanile. Modelli di esempio, ma nel contesto educativo/relazionale hanno avuto scarsa preparazione scolastica la quale ad oggi è rimasta impressa nella maggior parte delle persone. 

Quell’apparire che forse ha rispecchiato la perfezione ma che in realtà nasconde tante nefandezze, insicurezze e poche soddisfazioni. Se solo all’apparire avessimo abbinato anche la ricchezza dell’animo, allora si che avremmo avuto due calciatori, in un mondo migliore.

Per loro, invece, è uno spazio vuoto e importante in cui hanno fatto nascere idee ed ispirazioni. Qui hanno incontrato parti di loro sconosciute e la loro solitudine gli ha inviati a scendere nella loro parte più profonda di dove erano situate le loro risorse interiori. 

In quel luogo, è attualmente un campo di calcio, sono arrivati dopo aver affrontato le paure d’infanzia, l’esperienza della connessione del mondo educativo/relazionale citato prima».

L’insegnante mediocre dice.

Il buon insegnante spiega. 

L’insegnante superiore dimostra. 

Il grande insegnate ispira.

William Arthur Ward

“Basta Cassano e Balotelli” non significa nulla

«Non presenta alternative: al posto di Cassano e Balotelli chi abbiamo? Come progettiamo la nostra nazionale se non fossero esistiti Cassano e Balotelli? Usiamo il metodo del “secondo me è forte”? 

Come diffondiamo le nostre c…..e sui social su di loro?

Questa foto rappresenta la sconfitta dello sport. Confermo che l’evoluzione sportiva non procede in modo lineare. È la dimostrazione che le responsabilità sono da dividersi anche in famiglia, la quale può essere potrebbe considerarsi una società sportiva in senso lato. Non ha saputo trasmettere punti di riferimento, quelli che un tempo si chiamavano ‘valori’, ma che definiti così scadono nell’etica e non è ciò che voglio intendere. 

Nella storia del nostro sport ne abbiamo visti tanti di calciatori  che avevano qualità e talento e li hanno dispersi con l’indisciplina, la pigrizia o la poca professionalità. 

Bisogna capire che nello sport come nella vita ci saranno sempre aspetti caratteriali e motivazionali sui cui migliorare, ma continuiamo ad avere questo sistema sportivo patologico dove conta solamente il risultato la domenica e l’ambiente che c’è intorno viene dimenticato.

Questo succede perché il nostro è uno sport che ti chiede tutto. Non puoi aspettarti di vincere senza la massima preparazione fisica e mentale. Nello Sport niente si ottiene senza fatica, sacrificio, nello sport  ci vuole fame. Fame significa voglia, desiderio di sacrificarsi e di impegnarsi al massimo dando tutto. 

Sarebbe più opportuno concentrare la propria attenzione dove ognuno di noi si occupa a pieno della sua parte, solo così riusciremo ad ottenere risultati positivi.

Possiamo avere anche i più grandi talenti del mondo, le più grandi strutture all’avanguardia, ma se non si fa la cosa giusta, non succederà niente. 

La realtà è sotto gli occhi di tutti, non accade nulla da quell’indimenticabile 7 luglio 2006, l’Italia sul cielo azzurro di Berlino alzava la quarta Coppa del Mondo».

Chi è Emilio Pesce

Il dottor Emilio Pesce si è laureato in Scienze Motorie presso l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Ha inoltre conseguito il diploma di “Massaggiatore Sportivo” e la certificazione EREPS (Exercise Register of Exercise Professionals) – Esercizio Fisico adattato alle patologie. Iscritto all’Albo dei Chinesiologi, attualmente esercita la libera professione presso lo studio Get It Done sito in Mercato San Severino.

Potrebbe interessarti anche:

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *