L’almanacco del giorno, 22 maggio: Djokovic, Ascari e la Champions

almanacco
Funshopping.it - il marketplace amico dei commercianti

L’almanacco del giorno, tra eventi sportivi, personaggi e successi. Ripercorriamo cosa accadeva, nel tempo, oggi. Un viaggio in rewind alla scoperta e riscoperta di tante curiosità.

L’almanacco del giorno: 22 maggio

1955 – Ascari finisce in acqua nel GP di Montecarlo – al Gran Premio di automobilismo di Montecarlo per una distrazione il pilota italiano Alberto Ascari perde il controllo della sua Lancia D50 e sfondate le barriere finisce nelle acque del porto. Se la cava con una frattura al naso e si mette in salvo a nuoto.

1987 – Novak Djokovic – tennista per 282 settimane numero uno nel ranking mondiale. A marzo 2020 è al primo posto nella classifica mondiale ATP. Graduatoria congelata a quella data fino a luglio 2020 a causa della pandemia globale. Nel 2011 è riuscito a vincere cinque ATP World Tour Masters 1000 in un solo anno, primato assoluto.

1987 – Arturo Vidal: è un calciatore cileno, centrocampista dall’agosto 2018 del Barcellona (vinti scudetto 2018/19 e Supercoppa spagnola) e della Nazionale cilena. Gioca per quattro stagioni nel Bayer Leverkusen, prima di arrivare alla Juventus nel luglio 2011 per 10 milioni e mezzo più bonus. In Nazionale partecipa alla vittoria cilena della Coppa America 2015 e 2016 e ai Mondiali 2010 e 2014 in Brasile.

1996 – La Juventus vince la Champions in finale contro l’Ajax – Il 22 maggio 1996 la Juventus vince la Champions League superando in finale l’Ajax, all’Olimpico di Roma. La squadra di Marcello Lippi, che l’anno prima era tornata a vincere un campionato dopo un digiuno di nove anni, fin dall’inizio della stagione si era posta come obiettivo quello di vincere il trofeo più importante d’Europa.

2010 – L’Inter dopo 45 anni vince la Champions – Sono di fronte l’Inter (che ha eliminato in semifinale il Barcellona) e il Bayern Monaco (che ha superato il Lione). I nerazzurri di José Mourinho s’impongono sui tedeschi con una doppietta di Diego Milito e conquistano dopo 45 anni il trofeo, il terzo della loro storia (il precedente nel 1964/65).

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: