Cittadella-Salernitana, l’allenatore avversario: da 5 anni alla guida…

allenatore-avversario

Il prossimo avversario della Salernitana si chiama Cittadella. L’allenatore avversario della compagine padovana è Roberto Venturato, emergente di valore della categoria.

L’allenatore avversario: Venturato da 5 anni alla guida del club

Roberto Venturato è un allenatore dal curriculum particolarissimo. A partire dai suoi dati anagrafici: nato in Australia (Atherton) nel 1963, figlio di emigranti veneti, torna a casa e inizia a giocare a calcio. Nulla di impressionante, una buona carriera nella provincia del Nord: Pergocrema, Giorgione, Pizzighettone, Treviso, una spruzzata di Venezia.

Poi, il passaggio in panchina. A cui accoppia, come un qualunque semi-professionista, un secondo lavoro da promotore finanziario.

La faccenda si fa seria a Pizzighettone, quando eredita la panchina di Marino Bracchi e lancia i biancoazzurri verso due promozioni, in Serie C2 e poi in Serie C1. Un boom che viene “premiato” con l’assunzione alla Cremonese come vice dell’istituzione Mondonico. Un passo indietro, ma vi avevamo avvertito che il tipo è particolare.

In grigiorosso parte in sordina e poi perde la Serie B solo nella finale playoff contro il Varese. Ci sta, una sconfitta di passaggio in una carriera in ascesa.

E invece, no. Non ancora. Il down, stavolta, dura due stagioni. Due stagioni in cui Venturato rimane senza panchina, non per sua scelta (rilascia a Tuttolegapro un’intervista in cui dice di meritare un ritorno in panchina, in cui definisce «un cruccio» questo suo stop forzato). Il rientro è lento, complesso. Ma si spiega con la forza dei risultati: la Pergolettese, promozione in Lega Pro; il Piacenza, un terzo posto in Serie D carico di rimpianti; di nuovo la Pergolettese, nel frattempo retrocessa e condotta a un buon sesto posto in quarta serie.

Cittadella

Dopo un’altra stagione in Serie D di nuovo alla Pergolettese, nel 2015 viene ingaggiato dal Cittadella, in Lega Pro, sostituendo Claudio Foscarini. Con i veneti vince il campionato e ottiene la promozione in Serie B, oltre a raggiungere la finale di Coppa Italia Lega Pro, e viene riconfermato anche per il campionato di Serie B 2016-2017, nel quale debutta tra i cadetti.

La sua prima stagione in B alla guida dei granata termina con un ottimo sesto posto, che vale i play-off (ottenuti in precedenza dal Cittadella solo una volta nella sua storia), dove la squadra sarà eliminata al turno preliminare dal Carpi. Il 29 maggio 2017 rinnova con i Granata per un’altra stagione.

SalernoSport24