Salernitana, non c’è due senza tre: caccia al terzo successo esterno

editoriale

Terza trasferta in campionato per la Salernitana targata Ventura. Questa sera i granata saranno di scena a Livorno, altra compagine con cui un conto è sospeso dopo la sconfitta di misura dello scorso anno che fece sprofondare i granata nella lotta per non retrocedere.

Salernitana a caccia del terzo successo esterno 

Dal punto di vista della kabala i numeri non sono confortanti. La Salernitana è uscita vittoriosa in una sola occasione dal Picchi, oltre 40 anni fa in terza serie. Per il resto tanti KO, a cui fanno da contraltare i risultati di mister Ventura. Il trainer, infatti, è la bestia nera dei labronici, che lo hanno battuto in una sola circostanza nella sua carriera da allenatore. Questa volta però il tecnico fare di necessità virtù per conquistare la terza vittoria esterna in altrettante partite. Sei assenti per infortunio e Kiyine squalificato gli concedono pochissime scelte di formazione. Rientrerà con ogni probabilità Firenze in mediana dal primo minuto, Lopez presidierà la corsia mancina. Confermato il tandem d’attacco composto dall’ex Giannetti e Djuric, in attesa del miglior Cerci. Di fronte a Micai e compagni ci sarà una compagine toscana agguerrita perché a caccia di punti, avendone racimolati solo 4 in cinque giornate.

La sfida col passato tra Salerntitana e Breda

Non manca la vena di amarcord: sulla panchina amaranto, infatti, siede l’illustre ex capitano Roberto Breda, che ha collezionato ben 245 presenze con il Cavalluccio sul petto. Messo in discussione dopo appena 3 partite e la firma di un contratto biennale, anche Breda ha necessità di far legna in classifica e punta sul fattore tabù nei confronti della Salernitana. L’undici di Ventura dovrà pertanto farsi trovare pronto e ribattere colpo su colpo.

Dopo quella spumeggiante ammirata col Pescara, quella arrendevole col Benevento, quella deludente di Trapani e quella dai due volti contro il Chievo, è lecito domandarsi quale sia la vera Salernitana e quale sia attualmente la reale forza della squadra. Occorrono altri test probanti e il recupero di elementi cardine dell’organico per definire il segmento in cui configurare la compagine granata.

Adesso è tempo di trarre il massimo con quanto finora a disposizione, come del resto realizzato nelle prime cinque giornate. Di Tacchio e compagni saranno scortati da circa 500 supporter, l’arma in più della Salernitana.

SalernoSport24
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com