Calciomercato Salernitana: per la difesa un vecchio compagno di Cerci…

calciomercato-salernitana-mercato

Il calciomercato della Salernitana guarda in difesa. Il reparto che più ha sofferto durante il match di Coppa Italia contro il Lecce. Reparto però che necessita di qualche cessione per far spazio in lista.

Calciomercato Salernitana: Heurtaux, svincolato, seguito dai granata

Si è messo in luce nel nostro campionato nel 2012 quando l’Udinese lo prelevò dal Caen in Francia. Da allora cinque stagioni con la maglia friulana per poi passare al Verona e nel 2018 il trasferimento all’Ankaragucu, in Turchia, club che aveva tutte le buone intenzioni per non sfigurare. Sono bastati soltanto nove mesi di trasferimento per iniziare una bella denuncia alla FIFA visto che il club non pagava gli stipendi. Club che registrava nel suo team anche Alessio Cerci compagno di squadra di Thomas Heurtaux. Difensore centrale capace di fiutare il gol soprattutto nelle situazioni di calcio d’angolo. Può giocare anche come terzino a destro, ruolo che ben impiegava nell’Udinese di Guidolin, Stramaccioni, Colantuono e De Canio. Sul giocatore 31enne ci sono anche gli occhi di Crotone e Cremonese. Svincolato, basterà soltanto mettersi d’accordo sull’ingaggio.

Nove mesi senza stipendio: la bruttissima esperienza di Heurtaux e Cerci

Esclusi dal campo, messi ai margini della rosa e senza stipendio da nove mesi. Questa era la situazione di Alessio Cerci e Thomas Heurtaux all’Ankaragucu, compagni nella stagione prima a Verona e colpi estivi dell’ambizioso club turco. Entrambi avevano scelto la Turchia e un’ambiziosa neopromossa per una nuova sfida professionale. Ma dopo poche settimane, la loro avventura si è trasformata in un’odissea.

In nove mesi infatti, né Cerci né Heurtaux ricevono alcun pagamento. Da giocatori più pagati della rosa a reietti. Al termine del mercato invernale sono finiti entrambi fuori lista per l’impossibilità – comunicata dalla dirigenza – di rispettare gli impegni economici presi in estate. Una situazione paradossale: esclusi dagli allenamenti, costretti a lavorare a parte, senza staff medico a disposizione, né preparatore atletico.

‘Dopo aver avuto grande pazienza (nove mesi senza stipendio e l’esclusione dalla rosa) oggi non ho altre possibilità se non comunicare la fine del mio contratto professionale con l’Ankaragucu a causa del mancato rispetto degli obblighi contrattuali e di gravi inadempienze. Un grande ringraziamento a tutti i tifosi per il loro affetto e rispetto, siete il cuore di questo club. Un pubblico caloroso, sempre pronto a supportare la squadra. Buona fortuna ai miei ex compagni e anche alla società, affinché possa trovare maggiore stabilità e rimanere in Super Lig per tanto tempo’.

Questo il messaggio che Heurtaux ha affidato ai social attraverso una serie di tweet, chiudendo così pubblicamente questa infelice parentesi della propria carriera.

Il suo procuratore? Un “Moggi” belga plurindagato per calciomercato

Mogi Bayat, nome ufficiale Arnaud Bayat, è un uomo d’affari franco-iraniano. È stato amministratore delegato della squadra di calcio Sporting Charleroi dal 2003 al 2010. Proprio lo Charleroi, squadra del massimo campionato belga, finì in un ciclone di calcioscommesse in Belgio che coinvolse anche il procuratore di Heurtaux, accusato di aver mosso tutti i fili dello scandalo.

Fu ripreso in una conversazione, poi in video, in cui Bayat parla di autentici affari con i giocatori africani, acquistabili per un tozzo di pane:

‘Il Belgio e’ un trampolino in Europa puoi giocare con quanti stranieri ti pare. Se vuoi schierare 11 africani, 11 turchi o 11 brasiliani, puoi farlo. La possibilita’ di comprare dei giovani per niente e rivenderli poi per uno, due, tre, quattro, cinque o 10 milioni esiste. Puoi far venire qui un aereo con 150 africani. Stanno in albergo e tu organizzi cinque partite al giorno. Selezioni i cinque migliori e tutto il resto torna a casa in aereo’.

SalernoSport24
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com