Presentazione mister Gian Piero Ventura: rileggi il LIVE della conferenza

ventura-lotito

Presentazione del nuovo allenatore della Salernitana Gian Piero Ventura. Siamo nella nuova sala stampa dedicata a Simone Vitale. Il tecnico, ex Nazionale, guiderà i granata nel prossimo campionato 2019-2020.

Presentazione mister Gian Piero Ventura

Ore 13:30 – Termina la conferenza stampa di presentazione. Un Ventura visibilmente emozionato e desideroso di iniziare quanto prima questa sua nuova avventura. Ai saluti, l’ultima parola è di Lotito:

‘Voglio sperare che possiamo ripartire con logiche diverse in modo da raggiungere gli agognati traguardi che avevamo prefissato’.


Ventura rimarca le sue esperienza soprattutto da ‘manager’ con l’operato di valorizzazione dei giocatori e la relativa plusvalenza, toccando il mercato e il modulo. Lotito, invece, ritorna sui tifosi e sulla fiducia verso la società:

Ventura

‘Posso portarvi tanti esempi nella mia carriera di giocatori presi praticamente a zero e rivenduti a 50. Soprattutto ho ricevuto tanti messaggi di altrettanti che si sono proposti per venire a Salerno quando hanno saputo del mio arrivo. Questo per me è sinonimo di aver fatto bene. Ritornando al contratto, il mio stipendio è vivere il calcio, l’adrenalina e fare quello che più mi piace fare tutti i giorni. Il mercato sarà in base alle caratteristiche dei giocatori e non influenzeranno il modulo. Probabile giocheremo col 3-5-2 perché questi uomini a disposizione possono competere con tale modulo. Gli allenamenti a porte aperte hanno i pro e i contro, ad esempio, oggi ci sono i droni che possono tranquillamente spiare la tattica. Questa è una piazza pazzesca Quando sono arrivato in città ho notato subito un grande amore per la Salernitana. Ad esempio l’altro giorno uno stava facendo footing, era tutto sudato, quando mi ha visto mi ha abbracciato, ero vestito bene, sono dovuto andare a cambiarmi. Questo per farvi capire che insieme dobbiamo costruire qualcosa di importante’.

Lotito

‘Il mio lavoro non è quello di creare consensi o di inventare strategia per accaparrarmi positività e cercare fiducia. In campo non ci vado io e gli ambienti nemmeno li faccio io. Purtroppo un determinato gruppo di persone non aiuta l’ambiente ma anzi crea problemi ancor prima di vedere l’operato. Si giudica ancor prima di conoscere. Accetto le critiche ma quando c’è da criticare non prima di aver visto. La società è seria, noi siamo seri e tutti vogliono lavorare per la crescita del club. Non vi ho mai dato modo di pensare ‘chissà se la società si iscrive al campionato’ eppure in altre piazze ci sono questi problemi come Avellino, Palermo, il Milan che ha rinunciato all’Europa League. Ripeto, questa società ci tiene a Salerno perché qui bisogna vincere e convincere. Ho voluto Ventura per costruire, ha la mia stessa visione del calcio, e per lo più ha un premio importante in caso di vittoria del campionato. Io sulla Salernitana ci metto 5 milioni ogni anno e spero che la gente la finisca di criticare senza conoscere’.


Tante le domande sul passato del tecnico genovese, come non mancano le domande sui play-out giocati e conquistati dai granata all’ultimo respiro:

Lotito

‘Non mi ha fatto piacere giocare la salvezza ai play-out. Voglio ribadire il fatto che ero a Venezia, in pullman, a seguire la squadra, nonostante qualcuno si diverta nel dire che non seguo la squadra. Io voglio sempre dare un senso di forte presenza e attaccamento ai colori della Salernitana da parte della società. Ero sicuro che saremo rimasti in Serie B al netto delle spiacevoli situazioni che sono accadute ad altre squadre (Palermo e Foggia, ndr) e ripeto che non sarei qui se così non fosse nonostante tutti i problemi che ho. Nella mia gestione a Salerno ho portato tanti giocatori ma che spesso non hanno reso. Vogliamo giocatori funzionali alla causa e agli obiettivi’.

Ventura

‘Durante le mie esperienze, sopratutto a Torino, ho sempre messo i giocatori di fronte a due strade: ritieni di essere già arrivato e di essere già forte oppure proviamo a mostrare tutto il tuo potenziale. Chi ha scelto la prima non ha reso come doveva e si è fermato, chi ha scelto la seconda ha saputo mettersi in mostra andando a giocare anche in altri campionati. Faccio l’esempio di Matteo Darmian preso dalla primavera del Palermo e passato al Manchester United, Kamil Glik una riserva a Bari poi capitano del Torino e della Nazionale Polacca. Bisogna prendere non giocatori per la piazza ma giocatori per la Salernitana. Voglio far si che la squadra diventi una squadra vera: essere una squadra! Al momento mancano 7-8 giocatori di discreta importanza per poter partire almeno con una base.’

Non mancano poi i siparietti con Lotito

‘Non ho dovuto pretendere garanzie ne un contratto milionario, ovviamente non sono venuto gratis anche se per fortuna ho messo qualche risparmio quasi come se dovessi dare qualcosa al presidente (ridendo)‘.

‘E che io mi prenderei volentieri’ risponde il patron.


Ore 12 – Arrivano con tanto di forze dell’ordine, Bianchi, Fabiani, Ventura e Lotito. Conferenza stampa che inizia in ritardo rispetto alla tabella prefissata. Il primo a prendere la parola è patron Lotito, poi tocca a Ventura rompere il ghiaccio dell’emozione:

Lotito

‘Ringrazio la piazza e la tifoseria salernitana per le celebrazioni che sono state fatte in città per l’evento del Centenario. Nonostante i tanti impegni sono voluto venire a Salerno a dimostrazione che ci tengo alla squadra e all’importanza nell’aver scelto, oltre che un amico, una persona che conosco da anni, una persona di valore per questa squadra (Ventura, ndr) perché una piazza di intenditori di calcio e lui è la persona giusta per far assaporare una qualità di gioco per i palati fini. A breve allestiremo il nuovo store. Quanto prima sarà operativo per permettere a tutti di indossare la passione e comprare qualsiasi oggetto la rappresenti. Il fatto che non siamo stati presenti al Centenario è legato al fatto che c’era Menichini a rappresentarci, eletto anche dai tifosi. Ribadisco la volontà di far crescere questa società e spero ci sarà un calcio spettacolo fatto di risultati. Ventura è un uomo di calcio e non di pallone. Darà un aiuto importante nella crescita dei giocatori perché lui è uno di quelli che valuta i giocatori e li mette in grado di far esprimere tutto il loro potenziale. In categoria Ventura ha vinto più di tutti e noi come società non lesineremo investimenti’.

Ventura

‘Sono felice di ripartire da Salerno. Questo sarà un po’ l’anno zero. È una piazza che ricordo da sempre come passionale e calorosa. I tifosi dell’Arechi riempiono sempre lo stadio in almeno 30mila. Dopo sei mesi d’inferno sono contento di rimettermi in gioco perché io vivo di emozioni e adrenalina. Ho una feroce voglia di ripartire. Vincere non è il nostro obiettivo ma, viceversa, il nostro obiettivo è quello di rivedere lo stadio pieno riportando la passione della città. Mi auguro, anzi, vorrei essere ricordato per quella persona che ha riportato la passione’.


Ore 11 – Gli addetti ai lavori della stampa sono già ai nastri di partenza. Il caldo eccessivo condito da un sole forte renderà la cosa ancor più vissuta. La nuova struttura dedita alla stampa è intitolata a Simone Vitale come aveva preannunciato Mezzaroma un paio di settimane fa.


Conferenza di presentazione del tecnico granata Gian Piero Ventura

Ore 9 – Nei giorni che si dividono tra visite mediche e ritiro precampionato, la Salernitana presenta alla stampa nella nuova struttura dedicato a Simone Vitale, il nuovo allenatore che guiderà i granata per la stagione 2019-2020, ovvero Gian Piero Ventura.

Conferenza che dovrebbe iniziare per le 11:30 salvo ritardi.

SalernoSport24
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com