Salernitana-Carpi: la partita dei tifosi

Il tracollo della Salernitana con il Carpi all’Arechi si è consumato mentre la tifoseria assisteva attonita ed inerme allo strazio messo in scena dalla squadra in campo. Nessun sostegno di tifo sugli spalti, dove si sono provati soltanto resistenza e comodità dei nuovi sediolini colorati. Cori solo in memoria del Siberiano e per i diffidati ad inizio e fine gara. Non sono mancati i fischi all’indirizzo della squadra, uscita dal terreno di gioco a testa bassa al triplice fischio, di Gregucci e dell’arbitro Pillitteri, protagonista di una direzione di gara ampiamente insufficiente e non equa tra le parti.

Fuori è continuata invece la contestazione del gruppo UMS fino a poco oltre il triplice fischio finale dinanzi alla tribuna. Situazione certamente non facile al cospetto di una squadra allo sbando e senza personalità né identità. Ha avuto vita facile dunque in questo scenario la formazione del contestato ex Castori, anch’egli ravvivato da una boccata d’ossigeno concessa senza troppo patire da Micai e compagni.

SalernoSport24
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com