Nuovo volto nel girone di ritorno: L’obiettivo tattico di Gregucci

gregucci

Il tecnico medita circa i moduli alternativi per lo schieramento

Valutato nelle scorse settimane il materiale umano a disposizione, in base alle operazioni in entrata ed in uscita il tecnico deciderà innanzitutto se perseguire con il canovaccio tattico attuale o virare verso altre soluzioni. Un’ipotesi resta lo sviluppo di un’identità basata sul 4-3-3 o 4-3-1-2, per le quali sarà fondamentale reperire sul mercato gli elementi adatti al gioco. Anche a Gregucci è chiaro che al suo gruppo servirebbe in l’innesto di qualche elemento di qualità, magari uno per reparto. Il tecnico gradirebbe poter lavorare su una base di una linea difensiva a quattro, ovviamente protetta da un adeguato centrocampo, capace di fare filtro e creare gioco.
Il trainer è conscio di dover lavorare molto sulla fiducia del gruppo e su idee tattiche chiare da mettere in pratica per poter trovare con meno difficoltà la via del gol. La manovra si è spesso rivelata, infatti, poco fluida e le idee di gioco appaiono non ben sviluppate, rendendo la fase offensiva scarsamente pericolosa e spettacolare. Da rimodellare nel profondo poi il reparto offensivo, basta leggere i numeri dei gol realizzati in 19 partite. Inutile nascondersi o usare mezze misure: ai granata serve irrobustire la fase difensiva e poter contare su un bottino di almeno 30 reti realizzate nel girone di ritorno per poter ambire a sogni di gloria e collezionare un minimo di 28 punti in classifica.

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com