Il doppio ex Nicola Salerno in ESCLUSIVA a SalernoSport24

Nicola Salerno: “Quella finale è una cicatrice che fa ancora male”

Un tuffo nel passato di sette anni e ritrovarsi mentre intorno c’è altro. Un altro campionato, un’altra lingua. Salerno è ancora qua, oggi nella Serie B che Nicola Salerno fece tanto per riuscire a regalare alla tifoseria granata in un anno disgraziato come pochi e portato avanti da quel genere di calciatori che non esiste più nel mondo del pallone se non nelle categorie minori dove il calcio è davvero uno Sport pulito e libero. Lui, invece, è Oltre Manica! Se quando si chiude una porta si apre un portone, al Direttore si sono aperte le porte della Premier League. Nient’altro che il giusto compendio ad un uomo che non si è mai nascosto. Appena un anno al Brescia ne fa un doppio ex, e quindi occasion buona per SalernoSport24 che lo ha contattato telefonicamente, dall’altra parte del cavo immaginario ha trovato la solita disponibilità che ne hanno sempre distinto la sua figura.

Ciao Direttore. Come vanno le cose al Watford?

“E’ una bellissima esperienza. Manchester, Arsenal, Chelsea…”.

Questo fine settimana s’incontreranno Brescia e Salernitana. Subito una domanda a bruciapelo: per chi farai il tifo?

“Al Brescia sono stato poco. Alla Salernitana sono ovviamente legato e sono colori che porto nel cuore”.

E’ una Serie B anomala come non mai?

“La Serie B ha sempre avuto questa particolarità. Il Palermo ha un impianto di base da Serie A, per forza di cose non può che essere la squadra designata alla vittoria finale però”.

Un mese al mercato invernale. Chi farà la voce grossa?

“Non credo che ci sarà chi potrà fare la voce grossa. Il mercato di gennaio non ha mai regalato grosse sorprese e le squadre  che si sono attrezzate per fare un buon campionato, hanno già detto la loro nel mercato estivo”.

E per quanto riguarda la Salernitana?

“I granata hanno fatto un campionato ottimo fino ad ora, credo anche meglio di quanto la piazza si aspettasse”.

Sconfitta di Cittadella a parte, come vedi messi i granata?

“Molto bene. E’ una squadra molto forte e poi con quella tifoseria… bisogna per forza fare bene”.

Brucia ancora quella sconfitta di sette anni fa?

“La sconfitta con il Verona è una cicatrice che non andrà più via, e fa ancora tanto male. Fa ancor più male l’epilogo post campionato che vide il fallimento del club”. 

Quando ti rivedremo in Italia?

“Non credo ci sarà mai. Per ora sono qua e sto bene. Sicuramente, dovesse esserci un ritorno, non sarà a breve”.

Grazie direttore, a presto!

“Grazie e in bocca a lupo!”.

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *