Editoriale: goleada al Rezzato e passaggio del turno in Coppa Italia

Editoriale: goleada al Rezzato e passaggio del turno in Coppa Italia

Grappolo di gol allo stadio Arechi per l’esordio stagionale della Salernitana. Sei reti rifilate al Rezzato rappresentano un buon bottino ed un positivo auspicio per il prosieguo del nuovo anno agonistico, ma va anche limitato all’effettivo valore dell’avversario. La compagine bresciana infatti era l’unica compagine superstite della serie D in questa edizione della Coppa Italia, pur avendo, a sorpresa, eliminato il Renate nel turno precedente.

Eppure la partita ha mostrato due volti.

Colantuono non fa stravolgimenti e conferma lo schieramento 3-5-2 provato in ritiro e nelle amichevoli. Micai esordisce tra i pali, così come Palumbo in cabina di regia, Castiglia nel ruolo di mezzala sinistra e Vuletich come terminale offensivo, affiancato da Bocalon.
Nel primo tempo la Salernitana è apparsa più contratta e imballata, complici anche i carichi di lavoro della fase di preparazione. I granata cercano spesso il fraseggio corto e l’apertura sugo esterni, così come il cross dalle corsie laterali ma raramente trovano spazi per far male agi avversari. Solo un guizzo di Bocalon, lanciato a rete in profondità sul filo del fuorigioco, consente ai padroni di casa di portarsi in vantaggio.

Nella ripresa la partita sembra solo apparentemente in discesa perché a metà tempo, dopo un miracolo dell’ex portiere barese, gli ospiti sorprendono la retroguardia granata e pareggiano. Schiavi e compagni hanno un sussulto di orgoglio e si gettano in avanti realizzando per altre cinque volte (da segnalare l’eurogol dalla distanza di Odjer).

Volitivi anche i subentrati Rosina e Volpicelli autori, rispettivamente, di un assist ed un gol.

Tanta euforia sugli spalti dello stadio malgrado il match non sia di cartello. La squadra deve lavorare ancora per perfezionare intese e metabolizzare gli schemi tattici che l’allenatore sta inculcando con parsimonia. Al resto penserà Fabiani in sede di mercato per poter innalzare ancor di più il tasso tecnico di un organico che promette di poter far bene durante una stagione che si preannuncia dall’alto coefficiente di difficoltà.

Quella di ieri sera è risultata per il Cavalluccio la 34esima partecipazione alla Coppa Italia, nelle quali la Salernitana ha complessivamente conquistato 33 vittorie, 18 pareggi e rimediato 38 sconfitte in 89 gare complessive. Il club granata ha raggiunto solo due volte gli ottavi di finale (contro la Fiorentina nella stagione 2000/01 e contro il Napoli in quella 2008/09).

La Salernitana conquista un record storico (a pari merito al 1999/00 e 2000/01) prolungando a 5 turni la striscia di imbattibilità nella manifestazione tricolore, poiché l’ultimo KO risale al 2015. Domenica Rosina e compagni affronteranno la Virtus Entella nella sfida valida per il III° turno della Coppa Italia, avranno la possibilità di battere il record, e regalare un palcoscenico di rilievo alla tifoseria salernitana.

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *