Editoriale. Salernitana in emergenza prova a suonare 11ª sinfonia

Bollini dirige un’orchestra ancora in emergenza

Una Salernitana in emergenza di scena a Cesena. Oggi serie B protagonista della domenica calcistica, grazie alla sosta della A per le nazionali.

Granata a caccia dell’undicesimo risultato utile consecutivo contro la compagine bianconera; dall’altra romagnoli reduci da un periodo positivo dopo l’insediamento di mister Castori in panchina, che è stato capace di dare una sterzata alla squadra. Nonostante abbia conquistato quattro risultati utili consecutivi il sodalizio romagnolo resta all’ultimo posto in classifica. La Salernitana ha il morale alto ma ha ancora l’infermeria super affollata, mentre le nazionali contribuiscono a ridurre le energie di elementi come Adamonis e Rossi. Ciò nonostante i granata sono intenzionati a proseguire spediti il percorso della striscia positiva anche al Manuzzi, che ha contribuito a conferire la giusta fiducia al gruppo. Per centrare l’obiettivo bisognerà dimenticare cosa racconta la classifica, che peraltro è ancora molto corta tra la testa e la coda, ed affidarsi alle certezze tecniche, tattiche ed al supporto dei propri tifosi, che seguiranno in massa la propria benamata.

Nel marzo del 2016 i granata di Menichini espugnarono lo stadio bianconero allo scaderedel match; la speranza è che l’impresa possa ripetersi. Si preannunciano poche novità di formazione tra le fila ospiti. I padroni di casa, orfani di Cacia e Di Noia, occupano l’ultimo gradino della classifica, in condominio con Ternana e Ascoli, e si affidano alla voglia di riscatto del nuovo tecnico, Castori, ex Salernitana. Per Bollini non pochi problemi di formazione, sempre a causa della situazione di emergenza della difesa e nel reparto avanzato. Sono rientrati dalle nazionali Adamonis e Rossi; nuovamente disponibile anche Rodriguez, ex bianconero, che ha lasciato non pochi ricordi in Romagna. Tra i pali andrà il portiere ex Lazio, grazie ad un permesso concesso dalla federazione lituana. Resta ancora out Sprocati, al pari di Tuia, Schiavi, Bernardini e Perico. Scalpitano Odjer, Della Rocca e Zito ma potranno rappresentare solo delle scelte in corso d’opera.

SalernoSport24