Salernitana ad Ascoli per virare la rotta

Editoriale: Salernitana ad Ascoli per virare la rotta

La Salernitana che si presenta ad Ascoli con la speranza di invertire la rotta di un rendimento ben al di sotto delle attese. Le sconfitte si susseguono a ritmo vertiginoso, l’Arechi è diventato ormai terra di conquista, il progetto tecnico della società sembra andare in frantumi. La trasferta in terra marchigiana rappresenta un crocevia importante. In caso di sconfitta tutto ciò si amplificherebbe facendo sprofondare la compagine granata nella dura lotta salvezza, acuendo notevolmente i malumori della piazza.

Un pareggio consentirebbe ai granata di restare ancorati alla “linea di galleggiamento” tracciata da Lotito e soci. Il presidente in pectore ha espresso delle opinioni alquanti discutibili ancora una volta. Il numero uno (della Lazio) ha parlato di clima ostile alla Salernitana senza, tuttavia, come di consueto, fare un mea culpa. Sono i fatti a parlare, invece, caro Lotito: dopo quattro campionati in B disputati nella mediocrità, con la media di due allenatori e decine di calciatori a campionato e scelte tecniche puntualmente riviste a gennaio, la Salernitana non riesce più a conferire entusiasmo, non è in grado di far sognare chi la ama. La situazione ormai consolidata appare all’esterno figlia di una direzione sportiva mai messa in discussione e di una programmazione fatta di annunci e non di opere concrete.

La speranza, però, nonostante tutto, non deve morire. Chi sostiene la maglia lo farà fino alla fine ed al di là dei risultati. Una vittoria, come quella piazzata col tris dello scorso anno, rilancerebbe la Salernitana verso la corsa playoff. In tal senso anche mister Gregucci pare si sia finalmente accorto che qualcosa vada cambiato per invertire il pericoloso trend negativo.

.Le indiscrezioni del campo sembrano annunciare stravolgimenti per la Salernitana. Mister Gregucci è pronto a cambiare assetto tattico, passando al 4-2-3-1, proposto più volte anche in passato. Diversi elementi potrebbero essere rilanciati quindi dalle scelte tecniche del trainer ed altri appaiono indirizzati verso la panchina.

Sugli spalti invece andrà in scena “il gioco del silenzio”. I tifosi granata, legati da un rapporto di stima con la torcida bianconera, effettueranno lo sciopero del tifo nel primo tempo in solidarietà con la tifoseria del Picchio che non sosterrà la squadra in questa partita per contestare contro dei Daspo della Questura di Palermo, ritenuti ingiusti.

SalernoSport24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com